Analisi tecnica Pattern e figure nel trading

Le figure indicano momenti di pausa in cui il mercato non ha una direzionalità precisa, per poi riprendere nella sua direzione di origine, oppure cambiare radicalmente. Da qui abbiamo figure di continuazione e di inversione.

Tendenzialmente sono peculiari di volumi contenuti e livelli di volatilità inferiori rispetto ai canonici.

Ogni figura può rappresentare la continuazione o l’inversione di un trend.

( fai il post come sopra e metti l’elenco completo linkato)

(poi fai un post o una pagina menu per ogni figura)

RETTANGOLO

La figura del rettangolo si ha quando i prezzi oscillano tra più livelli di supporti e resistenza all’interno di un range graficamente lineare.

Infatti tracciando le due classiche linee orizzontali di minimo e massimo assume appunto la forma di rettangolo.

La peculiarità di questa figura sta nella durata, ossia solitamente è tipica di un periodo di stasi del mercato che dura parecchio tempo.

Lo studio dell’analisi tecnica ci indica che quanto più un rettangolo è largo tanto più sarà la forza della rottura e quindi lo sbilancio dei prezzi. Ovviamente da tenere in considerazione anche l’altezza ossia i volumi che vengono a crearsi all’interno della figura.

Elementi che avvalorano la figura possono essere legati all’ampiezza e alla durata. Vediamo alcuni dettagli.

· si forma all’interno di un trend ben definito

· massimi e minimi allo stesso livello (almeno 2)

· durata solitamente breve indica continuazione (giorni, settimana)

· durata solitamente lunga indica inversione (mesi, anni)

Come si entra ?

Solitamente si entra alla rottura del rettangolo da uno dei due lati ossia il BREAKOUT di un massimo o minimo.

Lo stop-loss va inserito al di sotto dei minimi della figura e vanno poi spostati secondo due criteri.

Teoricamente l’esplosione dei prezzi al BREAKOUT di questa figura genera volumi tali per cui raggiungono almeno la stessa altezza della figura stessa misurata in senso verticale.

Pertanto lo stop-loss andrebbe spostato a pari al raggiungimento di tale obiettivo con eventuale presa di profitto parziale. Oppure per i più audaci è possibile attendere che il trend in questione rientri tracciando un minimo al punto di resistenza sfondato.

TRIANGOLO

Il triangolo è un’altra figura dell’analisi tecnica avente tre varianti.

TRIANGOLO SIMMETRICO

Il triangolo simmetrico è formato da due lati convergenti tra loro. Praticamente si costituisce mediante minimi crescenti e massimi decrescenti.

Classica situazione di pausa all’interno di un trend ben definito, con relativo calo dei volumi.

La formazione del triangolo si avvalora quanto più prende forma e quanto più tende a chiudersi graficamente all’interno del range di partenza.

Pertanto si avrà una situazione di partenza con una base ampia con minimi e massimi con tendenza sempre più ad avvicinarsi tra loro.

L’obiettivo di prezzo minimo è solitamente pari alla lunghezza della base del triangolo stesso.

Si entra sempre alla rottura del punto minimo o massimo di una delle due linee di tendenza tracciate.

Lo stop-loss si inserisce all’incirca a metà dell’altezza della figura.

A volte dopo la rottura avviene un possibile ritracciamento denominato pulli-back, ossia un rientro dei prezzi nel punto di rottura. Questa caratteristica lascia spazio a diverse tecniche di ingresso.

Ingresso diretto

Direttamente alla rottura con la solita regola dello stop-loss a metà figura per poi riposizionarlo dopo il primo pulli-back e prendendo parte del profitto a obiettivo minimo.

Indirettamente

Attesa del pulli-back per poi rientrare sempre in direzione del trend alla prima creazione di supporto o resistenza alla pari del punto di rottura. Questa tecnica in via prudenziale ha lo svantaggio di poter perdere l’occasione qualora non si verifichi il rientro dopo l’esplosione dei prezzi.

TRIANGOLO ASCENDENTE

Il triangolo ascendente è caratterizzato da minimi crescenti e massimi allo stesso livello. Solitamente è un pattern di continuazione all’interno di un trend rialzista.

L’obiettivo e l’ingresso seguono lo stesso calcolo e metodologia del triangolo simmetrico.

TRIANGOLO DISCENDENTE

Il triangolo discendente è caratterizzato da massimi decrescenti e minimi allo stesso livello. Solitamente è un pattern di continuazione all’interno di un trend ribassista.

L’obiettivo e l’ingresso seguono lo stesso calcolo e metodologia del triangolo simmetrico.

WEDGE o CUNEO

Il cuneo è un triangolo irregolare, molto simile al triangolo simmetrico ma più lungo e stretto.

Solitamente ha una inclinazione opposta alla direzione del trend di riferimento, quindi quindi un formazione ribassista in un trend rialzista offre segnali di continuazione rialzista. Stessa dinamica vale al ribasso, ossia con tendenza al rialzo in un trend ribassista continuazione ribassista.

Durata media solitamente settimane.

Ingresso e obiettivo avente le stesse caratteristiche degli altri triangoli.

PENNANTS o BANDIERA

Flag o pennants sono formazioni che indicano la fine temporanea di un trend o meglio una semplice sosta dei volumi.

Generalmente hanno una durata breve e inferiore rispetto agli altri triangoli.

Sono precedute da forti movimenti al rialzo o al ribasso, piuttosto lineari e marcati. Da qui prendono il nome per la loro rappresentazione grafica, appunto a forma di bandiera.

Il flag o bandiera si presenta come un parallelepipedo in temporanea controtendenza al trend in atto per poi esplodere nella direzione dello stesso.

Il pennants si presenta di forma triangolare avente dimensione molto ridotte causate dall’assenza di volumi.

Come negli altri triangoli è possibile operare con ingressi e obiettivi di prezzo simili.

TESTA E SPALLE

Il testa e spalle è una tipica figura di inversione molto importante. Questo tipo di figura è peculiare di una serie di movimenti piuttosto elaborati che si possono riassumere in tre fasi.

1. una prima fase di rialzo o ribasso con formazione di minimo e massimo

2. una seconda fase più accentuata della precedente in cui il punto superiore al precedente indica la direzione inversa del futuro trend

3. una terza fase di rientro con punta inferiore alla precedente ma allineata alla prima fase

Praticamente questa figura presenta una inversione di tipo

· ribassista quando il massimo centrale è più alto dei precedenti e i due minimi sono allineati

· rialzista quando il minimo centrale è più basso dei precedenti e i due massimi sono allineati

L’ingresso sarà tipico alla rottura della base di minimi o massimi allineati oppure post BREAKOUT in via prudenziale in attesa di un ritracciamento.

L’obiettivo di profitto sarà calcolato misurando la distanza tra il picco massimo centrale e la distanza tracciata all’altezza dei due minimi ossia linea di neck-line.